www.uzak.it
- ISSN 2039-800X
Trimestrale online di cultura cinematografica
Diretto e fondato da Luigi Abiusi
anno VII | UZAK 27 | estate 2017

Is this land mine? (può una domanda far partire una rivolta?)

Silvia Calderoni

alt(English Version)

NoveDicembreDuemilatredici

Soundtrack: Eddie Vedder - Guaranteed

È da quasi un mese che rimando questo scritto. Non per pigrizia o per costipazione del tempo. Ma per un cruccio che non so risolvere. Mi spiego.
Scrivere su una rubrica di teatro.
L’idea iniziale era provare a restituirvi per scritto un’esperienza vissuta questa estate in Romania, al Festival estivo di Rosia Montana, luogo che lega musica, teatro e laboratori ad una lotta nel mezzo delle montagne rumene contro una multinazionale Canadese che vuole riaprire una cava per l’estrazione dell’oro che “ammalerebbe” tutta la valle. (Parole come LOTTA… VALLE… l’analogia è facile…).
Progetto bizzarro il nostro1, sulla carta un workshop teorico e pratico di teatro, nella pratica un viaggio interstellare partito dal fango, partito da una domanda:

IS THIS LAND MINE? (può una domanda far partire una rivolta?)


La richiesta fatta ai partecipanti era quella di immaginare un’azione collettiva di qualsiasi genere e durata senza porre limiti all’immaginazione, senza tirare freni a mano del cervello.

«A cosa sei pronto quando ti iscrivi a un laboratorio? Cosa ti aspetti? Quanto di te riesci a mettere in gioco?»

Ovviamente queste domande che abbiamo utilizzato come motore del lavoro, arrivati in loco, da teoria, hanno mutato stato e sono diventate solide, questioni imprescindibili, affermazioni.

E qui il cruccio.
Non so quanto possa essere interessante snocciolare il lavoro passo per passo, farvi entrare come una radiografia dentro un vissuto, un trascorso.
Odio il diario, sono scomoda nella narrazione, la cronaca mi avvilisce.

Quello che posso fare è provare a darvi una serie di suggestioni, da scartabellare come appunti ritrovati in una valigia di qualche sconosciuto. Appoggiare in questa pagina elementi di diversa natura, senza indicare la lingua in cui tradurli.
A voi lascio questa pratica. Allo stesso modo con cui lascio agli spettatori la massima libertà di leggere il mio fare quando sono su un palco.

S.C.


IS THIS LAND MINE?


Appunto numero uno. Foto location workshop.

alt


Appunto numero due. Scritto di Bobby Chris, partecipante al workshop.


Who I am? Who we are? Where I am?
The Mountain?
The River?
The Music?
The People?
The Fountain?
The graze?
The Rocks?
The ways?
The Bread?
The People?  
The War?
The Deal?
The agony?
The fear?
The tear?
The fresh air?
The wind?
The trees?
I’m the one who got the keys
I would like to speak with them and tell them I am also a tree.
Not as brave and beautiful as they are.
Not as hight and right by far.
Just a little one with no leaves,
Probably taken by those thieves.
But as I try to cry out loud Who I am,
my last breath turns into phlegm
My tears drops out from my eyes,
And I know I will lose all my ties.
But What any sense would life had
If there won’t be something bad?
What would make us to fight
If there won’t be any light?
I’m not an environmentalist
Jew, baptist or even atheist
I coexist in the places you’re afraid to exist.
I’m the strange tree with no leaves
Take all you need, except my beliefs.


Appunto numero tre. Dal quaderno degli esercizi, stralcio di materiale di lavoro.

[…] lavoro fisico collettivo, interlegato con dispositivi espressivi intuitivi personali. Relazione tra dentro e fuori. Il dentro (la tenda) è utilizzato come punto di vista. Il fuori, come spazio d’azione. (I limiti dell’esterno sono dati dai limiti del punto di vista dell’interno).

COLLETTIVO-CONNETTIVO.
Un ascolto comune senza necessità di utilizzare la parola. Si inizia con un riscaldamento del corpo guidato che non ha come obiettivo solo scaldare, ma connettere tutti ad un unico livello di attenzione collettiva. Primo humus di linguaggio comune. Nello scorrere del tempo la guida inizia a “rubare” l’errore e riproporlo come gesto comune. Fare dell’errore di uno l’azione di tutti.


Appunto numero quattro. Proposta di azione collettiva di Stefan Aganencei.

Hi, I'm Stefan Aganencei, and my idea describes a silent wedding, very pictural and symbolic like Melancholia, a film that's very empathic with a picture made at Rosia Montana by a famous romanian filmmaker Dan Pita: "Stone Wedding"(the main ideea is traveling betwen a lifeless wedding to a dystopic funeral) I imagine three brides dressed with local wedding clothes and maked-up with white creme until their faces become intangible as expression; this trinity is courted by many gentlemens as such as many volunteers (wherever they are boys or girls); each potential husband brings to them a bigger gold stone - each is being rejected on his turn; with this failure, all them, a sort of "don quijote's" clones are bringing now bigger hands of raw earth, (three women -the illusion of three windmills), they suceed to marry them - a cavalery of boys and girls proceeds in the wedding party with those three, the joy is disturbed by a rain of earthly dust from the
roof of the tent; all people feel an absolute lust in this dance converted now to a funeral march of redemption,  finally the brides and the conquerors become mimes, and all people are loosing eachself in each other's dust in a living although motionless cemetery. That's all I can describe to you, I'm in Rosia Montana now, so I can just text from my phone, the entire season of images you can find it watching Lars von Trier's Melancholia and Dan Pita's Stone Wedding! Best Regards and anxious to meet you soon Motus and TVO!
Stefan

Hi again, this time I will say it more directly on scene chapters:
1. all people implicated in workshop are buried in dust, in small recent digged graves, upon the graves stands flowers with the strains filled with joice straws for the candidates breath;
2. a soundtrack of an asthmatic breathing proceeds a downgrading of the flowers until the their heads, now at the surface eat the plants and the group had enlivened;
3. they all get up and stand sympathetique, grieving and expressionless for the people who sold their homes in Rosia Montana and moved to Recea, the Gold Corporation relocation home camp where they lately suicide (which I will strongly documenting in the morning from a local antrepreneur) simultaneously in the background the psychodrama voices present an short autobiography of the decesed;
4. the sound moves to an industrial scream, shaken only by the blindness motion of the "forensics spirits" who enter hazardously in the tent interior walls, and then suddenly fall out of their foots in an alternative way;
5. All members of the group will return to earth, but this time the breath will initially increase and slowly decrease, until a longly sigh...
Thanks


Appunto numero cinque. Mappe.

alt


Appunto numero sei. Corrispondenza con gli artisti-attivisti del Festival.

- Which are the collective actions that you  adopt in your fight (marches, blockades, songs ...)?

Save Rosia Montana Campaign is a complex and comprehensive fight. We use a lot of tools such as: direct actions and lobbying at a national and international level; letter¬writing actions and alerts; updates and information releases for Gabriel's investors and shareholders; litigation; seminars and presentations for the locals to inform and assist them in developing economic activities alternative to mining; the protest festival Fanfest; cultural activities.
Here are some examples of collective actions: protests in the streets, photo bombing, occupy actions, flashmobs, stenciling, grafitti and postering actions across the country, marches on feet or bikes from different cities or countries to Rosia Montana (this year we have several: Travel for a cause, We love Rosia, and another 3 in Romania) etc. Here you can see a presentation of Save Rosia Montana Campaign (from page 63 there are photos from our actions).

At the end, could you send me a program of the festival  and a link to the website?
Programme
Civic theatre
We will make the changes with the presentation you sent us.


Appunto numero sette. Workshop.

alt


Appunto numero otto. Domande prodotte dal pubblico durante l’apertura del lavoro.


what make a fight violent?

does home equals identity?

would you like to help us to extend the fight against gold corporation in other sites, in the whole romania?

did you give up hope?

does the earth belong to you?

ce este rosia montana?

what is the most important thing for the community's survival?

what is the oldest memory you have about rosia montana?

who are your neighbours?

do you ever think about the fact your children won't be able to drawn rosia montana?

how would you like to be remembered by your nephews?

for the people which are here for the first time: if they will came back at rosia montana?

how do you see rosia montana in 2050?

is the spirit of the mountain just a legend?

what is dignity to you?

what is a land with a whole or a hole?

how would you feel if tomorrow it won't see what is around you now?

is mountain a mine or a mime?

can miners become firemen?

what is a community from your point of view?

why some of you agree to destroy this area?

are you happy?

what can i do?

is this land mine?

is this landscape real?

what do you need?

why do you still live here?

is gold just a mineral?

except gold, whatelse kept people together in rosia montana in history?

can you put a price on freedom?

what would you do if tomorrow the gold exploitation start?

which is the most quite place here in rosia montana?

why do you came/leave from rosia ?

how do you like a new black lake, black church, black people?

name (and speak about) a place in r.m. where you used to play in your childhood?

what future for your kids in 20 years?

does the idea of “community” have any value to you? what is it?

are you willing to defend your land & your lives no matter what?

are you happy?

what is the most valuable thing for you?

are the legend or old folklore songs about miners in this area? (if yes, please tell us the lyrics or sing it for us)

if it will ever be necessary, how far are you prepared to go for your land?

are there any days when you are not thinking about the gold hidden under the mountains?


Appunto numero nove. Stencil.

alt


Appunto numero dieci. Proposta di azione collettiva di Lucia Marneanu.

Hello, I’m really sorry I couldn’t answer earlier. I hope it’s not too late.

Idea: one day of questioning the local citizens in Roșia Montană about places of their village that have profound sentimental significance (value) for them. Kind of like actors going through a collective "treasure hunt".  But not golden treasure. Then make a short sequence of scenes out of their stories/sensations related to the question «What is treasure?» or «What is golden?»  or «Value» etc. Througout this final product we should somehow make use of different signs (particularly red signs connected to roads, maps, limits, interdictions etc).

Roșia=Red; e.g:
Prohibition symbols
Budapest in 1910
See you in R.M.


Appunto numero undici. Immaginario di Camilla.

alt


Appunto numero dodici. Dal quaderno degli esercizi, stralcio di materiale di lavoro.


Si parte dall’interno della tenda. Si spiega che quello è il punto di fuoco, di visione.
Uno alla volta (dall’interno) sceglie un punto (in esterno) e ci si posiziona. La scelta è preventiva. Nel momento che ci si posiziona e si trova una staticità (in piedi o seduti) il secondo parte immediatamente e va a posizionarsi. Così via fino all’ultimo. Dalla tenda viene scattata una foto. Ad un segnale tutti tornano velocemente alla tenda. Si riparte.

STOP

Si parte dall’interno della tenda. L'iPad è posizionato sul limite, su un ceppo. Tutti guardano il punto di vista nello schermo. Lo studiano. Si spiega che quello è il punto di fuoco, di visione.
Uno alla volta (dall’interno) sceglie un punto all’interno dell’immagine (in esterno) e ci si posiziona. La scelta non è più preventiva ma in relazione alla scelta precedente. Nel momento che ci si posiziona e si trova una staticità (in piedi o seduti) il secondo parte immediatamente e va a posizionarsi. Così via fino all’ultimo. Dalla tenda viene scattata una foto. Ad un segnale tutti tornano velocemente alla tenda. Si riparte.

(Possibilità di rompere la meccanica inserendo una variabile di non azzerare ogni volta oppure di non essere tutti e sette.)

STOP

Si parte dall’interno della tenda. L'iPad è posizionato sul limite, su un ceppo. Tutti guardano il punto di vista nello schermo. Lo studiano. Si spiega che quello è il punto di fuoco, di visione.
Uno alla volta (dall’interno) sceglie un punto al limite (una sola porzione del corpo è dentro all’inquadratura) dell’immagine (in esterno) e ci si posiziona. La scelta non è più preventiva ma in relazione alla scelta precedente. Nel momento che ci si posiziona e si trova una staticità (in piedi o seduti) il secondo parte immediatamente e va a posizionarsi. Così via fino all’ultimo. Dalla tenda viene scattata una foto. Ad un segnale tutti tornano velocemente alla tenda. Si riparte.

STOP

PAUSA.

Mantenendo il meccanismo precedente, vengono lanciate delle suggestioni. (es. il testo di Bobby, da rivedere domani mattina e in corsa, riaggiustare il tiro). Tutti sono nella tenda e ascoltano. Il testo viene registrato oppure viene mandato amplificato in presa diretta e si lavora nello scorrere delle cose... non lo so.
L’audio viene rimandato in esterno cercando di ricreare un sistema di relazioni (azione-reazione) legate alle suggestioni precedentemente ricevute.
Che non devono essere prese in modo figurativo ma come spunto da TRADURRE in forma fisica-spaziale-di relazione con l’occhio che guarda.

Possibilità di suggestioni:
•    Testo di Bobby
•    Si chiede a Marta di preparare improvvisare ad occhi chiusi su ciò che combinato insieme può produrre altro (es. acqua-farina-lievito-calore pane).
•    a Stefan di improvvisare narrando la sua visione come se fosse un racconto in prima persona
•    a Mihaela di improvvisare un racconto di un mondo in cui le risorse naturali sono finite (una descrizione di una visione del futuro magari proprio qui..)
•    a Lucia di improvvisare su domande partendo da queste: What is treasure? What is golden? Sarebbe interessante anche il lavoro sulla mappa narrata.
•    Teodora descrivere la sua visione in soggettiva traducendola in un’azione reale, non performativa.


Appunto numero tredici. Noi.

alt


Nota

1. Il laboratorio è stato condotto da Silvia Calderoni, Ilenia Caleo e Camilla Carè.


Ho visto cose

 

Speciale Crossroads 2017




Teniamoci in contatto

FacebookTwitterFlickrInstagramPinterestYoutube